Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione e altre funzioni. Continuando con la navigazione, l'utente acconsente all'uso di tali cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Giada Rossi conquista la medaglia di bronzo nel singolare ai Mondiali di tennistavolo paralimpico di Celje in Slovenia. Nella semifinale, contro la brasiliana Oliveira, l’atleta azzurra viene battuta per 3-2. Sotto di due set, Giada Rossi riesce a recuperare aggiudicandosi il terzo per 11-6 e il quarto per 11-5. Nel quinto set, però, la pongista brasiliana vince con il punteggio di 11-4, nonostante gli sforzi della campionessa azzurra.

Un ottimo terzo posto mondiale conquistato anche superando alcune difficoltà fisiche che hanno penalizzato la prestazione della pongista italiana. Giada Rossi si conferma atleta di vertice a livello internazionale. “Brava Giada, come al solito hai combattuto con grinta fino all’ultimo. Siamo orgogliosi di te”, ha commentato Luca Pancalli, presidente del CIP.

Tutte riarmate e pronte a solcare le acque del mare Adriatico i 2.4mr dell’associazione sportiva che promuove lo sport della vela per tutti. Si preannuncia una stagione ricca di eventi sportivi sia a carattere agonistico, ricreativo e sociale.Tutte riarmate e pronte a solcare le acque del mare Adriatico i 2.4mr dell’associazione sportiva che promuove lo sport della vela per tutti. Si preannuncia una stagione ricca di eventi sportivi sia a carattere agonistico, ricreativo e sociale.La prima settimana di luglio si svolgerà la 12ma edizione della Regata Nazionale classe 2.4mr – Guldmann Cup - “Trofeo Sandro Ricci – Trofeo Rotary di Fermo” che vedrà anche la presenza di timonieri della Classe Italiana Hansa303. Attività che viene svolta da alcuni qui a Porto San Giorgio grazie all’iniziativa Hansa303 – Vega Style Lift. Nei giorni precedenti alla regata la Federazione Italiana Vela organizzerà un raduno federale per preparare al meglio gli atleti della nazionale che parteciperanno ai Campionati del Mondo in USA a settembre. L’edizione 2018 del Campionato 2.4mr  - Trofeo Sollini Accessori Calzature inizierà a maggio e, con una regata al mese, terminerà a settembre. Da giugno ripartirà la scuola vela paralimpica. In collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale della Provincia di Fermo e Ascoli Piceno è partita una campagna di promozione dello sport della vela per studenti delle Scuole Medie con disabilità. Altra importante iniziativa quella che si andrà a concretizzare a breve con gli studenti del 3° Nautico dell’Istituto Montani di Fermo. Alternanza Scuola Lavoro e VelaScuola FIV, corsi di vela rivolta ad 8 studenti per avvicinare gli studenti allo sport paralimpico, al volontariato e alla eventuale partecipazione a regate dove normodotati e disabili regatano alla pari senza differenze di classifica. Nei prossimi giorni la presentazione dell’iniziativa. A maggio tornerà al Marina di Porto San Giorgio LoSpiritodiStella, primo catamarano al Mondo senza barriere architettoniche. Per l’occasione saranno organizzate uscite in mare e iniziative con gli studenti delle scuole medie. 
Per avere informazioni sull’attività: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. – FB: Liberi nel Vento

Entrano nel vivo le fasi finali del campionato italiano di basket in carrozzina. Sabato 7 aprile è andato in scena il primo atto delle semifinali che ha già regalato grandi emozioni e colpi di scena. I campioni in carica della UnipolSai Briantea 84 Cantù, la S.Stefano UBI-Banca Porto Potenza Picena, il Santa Lucia Roma e la DECO Group Amicacci Giulianova hanno dato vita a sfide avvincenti dagli esiti affatto scontati.

I primi match di queste semifinali hanno infatti sovvertito il fattore campo e i pronostici della vigilia. UnipolSai Briantea 84 Cantù e S. Stefano UBI-Banca Porto Potenza Picena, le due favorite, hanno perso in casa contro Santa Lucia Roma e DECO Group Amicacci Giulianova.

Nel primo match, quello tra Porto Potenza Picena e Giulianova, ha avuto la meglio la squadra marchigiana per 73-58 trascinata da una grande prestazione di Simone De Maggi (27 punti a referto per l’abruzzese) e dal coreano Donyeon Kim (24 punti). Non è bastata, per il S. Stefano, la prestazione di alto livello del francese Sofyane Mehiaoui (27 punti). Tra sette giorni Giulianova avrà la possibilità di guadagnare una storica finale scudetto ma c’è da scommettere che S. Stefano darà tutto per arrivare a gara 3 e cancellare la prestazione negativa del PalaPrincipi.

Chi di finali ne ha disputate più di tutti è il Santa Lucia Roma. La storia recente, però, parla di un club che è stato sul punto di chiudere l’attività. Ora, a un anno e mezzo di distanza da quel momento critico, la squadra italiana più titolata della storia ha la possibilità di tornare a giocarsi una finale scudetto. Non sarà facile, nonostante la straordinaria vittoria in gara 1 sul parquet dei campioni d’Italia della UnipolSai Briantea 84 Cantù. 51-50 il punteggio a favore degli uomini di Castellucci, che vincono all’overtime.

Decisivo il canestro del capitano del Santa Lucia Matteo Cavagnini, 15 punti a referto per lui. In doppia cifra anche Christian Fares, top scorer del match con 18 punti. In casa Cantù non basta la buona prova di Adolfo Berdun (12).

Ora grande attesa per gara 2, quando sul parquet di Via Ardeatina arriverà una Briantea decisa a non mollare il titolo nazionale.

Appuntamento a 14 aprile per gara 2.

Il miglior piazzamento , ottenuto da Anobile, quinto nel Km. da fermo

L’Italia non sale sul podio iridato di Rio. I tre azzurri impegnati ai Campionati Mondiali di ciclismo Paralimpico , terminati ieri a Rio de Janeiro, non vanno oltre  piazzamenti onorevoli ma non sufficienti ad entrare tra i migliori.

Giancarlo Masini  (C1) ottiene un undicesimo posto nell’inseguimento individuale e un dodicesimo nel km. da fermo , lontano dai tempi dei primi della sua categoria.

Andrea Tarlao ,nell’inseguimento (C5) con il tempo di 4.37.97 non riesce ad andare oltre  un onorevole sesto posto, ma è lontano dal vincitore Yehor Dementiev (UKR) che con 4.31.61 precede il britannico Gildea di poco meno di un secondo aggiudicandosi l’Oro.

Il friulano poi si piazzava 7° nello scratch vinto dal beniamino locale Lauro Cesar Chamal e terminava al 15° posto nel chilometro.

Il miglior piazzamento l’ottiene Fabio Anobile (C3) nel chilometro con 1.11.16, quinto tempo, non sufficiente all’inserimento nella lotta per le medaglie. In questa gara successo dello statunitense Bereny ( 1.09.83 ) sul belga Schelfhout.

Anobile è poi finito settimo nello scratch, a due giri dal vincitore, il colombiano Perea Arango, ed infine nono nell’inseguimento ( riscontro cronometrico di 3.46.01 sui 3 km.) ,gara dominata dall’australiano David Nicholas che in finale ha preceduto di oltre 4 secondi Schelfhout .

Questi Mondiali sono stati dominati dall’Inghilterra , che ha portato a casa 11 ori 4 argenti e 3 Bronzi davanti ad una sorprendente Olanda ( 5 ori 2 argenti e 4 bronzi) ed alla attesissima Cina (3 – 4 – 3) forse al di sotto delle previsioni.

 
 
 

 

 

Parte subito con una grande sorpresa il girone di ritorno del campionato di Serie A di basket in carrozzina: il Santa Lucia Roma ha superato i campioni d’Italia della UnipolSai Briantea 84 Cantù, unica squadra imbattuta dopo la prima metà di stagione, di fatto rimescolando le carte nelle parti alte della classifica, dove ora sono racchiuse quattro squadre in appena quattro punti. Dello scivolone della capolista ne hanno infatti approfittato S. Stefano UBI Banca, che riagguanta la vetta della graduatoria, e DECO Group Amicacci Giulianova, tornata al successo dopo tre sconfitte consecutive.Il confronto di Roma tra Santa Lucia e UnipolSai Briantea 84 ha riportato alla mente le grandi battaglie tra le due rivali che per un lustro hanno dominato il palcoscenico del basket in carrozzina italiano, fino alla finale scudetto del 2016. Partita giocata su un livello agonistico molto alto per essere un match di stagione regolare, con i romani estremamente organizzati sia nella metà campo offensiva che in quella difensiva, in grado di sopperire al gap tecnico rispetto agli avversari grazie al grande ordine e alla concentrazione messa in campo fin dai primissimi minuti. Più distratta invece la Briantea 84, che spesso nelle ultime stagioni ha giocato un po’ ad accendere e spegnere l’interruttore dell’intensità, cosciente dello spessore e della profondità del proprio roster. Stavolta però i Campioni d’Italia non riescono a recuperare il filo del discorso, andando in difficoltà difensiva come forse mai nel corso di questa annata, e continuando a tirare con percentuali basse fino alla fine (il 35% dal campo finale dice molto). Non bastano l’ennesima prova superlativa dell’azzurro Ahmed Raourahi (10 punti e 5 rimbalzi) e le fiammate dell’argentino Carlos Alberto Esteche: il Santa Lucia non rallenta, la difesa non dà mai l’impressione di andare in sofferenza e in attacco il contributo dalla panchina di Domenico Beltrame (10 punti) e di Tobia Di Monte (9 punti con 4/4 al tiro) alla fine sarà decisivo per spingere i ragazzi di Fabio Castellucci alla sesta vittoria consecutiva (64 a 54) e a rinnovare ambizioni che parevano insperate ad inizio annata.

Come detto, spettatrici interessate del big match di Roma erano le altre due squadre di vertice di questo campionato, il S. Stefano UBI Banca e la DECO Group Amicacci Giulianova, entrambe vittoriose in trasferta. I marchigiani, dopo aver perso di misura lo scontro diretto con Cantù nell’ultima giornata del 2017, riagganciano i rivali in vetta alla classifica a quota 14 punti grazie al successo sul campo della Polisportiva Nordest 74 a 51. Un Sofyane Mehiaoui protagonista con 39 punti risolve un match a lungo rimasto in equilibrio, fino alla fuga finale degli ospiti. Netta la vittoria della DECO Group Amicacci Giulianova sull’SBS Montello (67 a 35): esordio per il centro coreano Kim Dongheon, che firma 13 punti, mentre Simone De Maggi mette a referto altri 29 punti, in una stagione fin qui dalla continuità offensiva degna di nota.

In coda, da registrare il successo importantissimo in chiave salvezza del GSD Porto Torres, che contro pronostico ha la meglio sulla Cimberio HS Varese in trasferta: si fa sentire il veterano Simon Munn, che trascina con 25 punti (coadiuvati dai 20 punti di Gharibloo) i compagni al successo 61 a 55, vittoria che permette ai sardi di lasciare per la prima volta in stagione l’ultimo posto in classifica, salendo a quota 4.

La Serie A torna in campo sabato 20 gennaio con la seconda giornata del girone di ritorno: spicca nel programma l’incrocio tra S Stefano Ubi Banca e Santa Lucia Roma; più agevoli gli impegni di UnipolSai Briantea 84 (contro l’SBS Montello) e DECO Group Amicacci (contro Varese). Importante nella corsa alla salvezza infine il match tra Porto Torres e Polisportiva Nordest.

8^ GIORNATA – I RISULTATI

Cimberio HS Varese – GSD Porto Torres 55 a 61

Santa Lucia Roma – UnipolSai Briantea 84 Cantù 64 a 54

SBS Montello – DECO Group Amicacci Giulianova 35 a 67

Pol. Nordest – S. Stefano UBI Banca 51 a 74

 

8^ GIORNATA – LA CLASSIFICA

14 punti: UnipolSai Briantea 84 Cantù, S. Stefano UB Banca

12 punti: Santa Lucia Roma

10 punti: DECO Group Amicacci Giulianova

6 punti: Cimberio HS Varese

4 punti: GSD Porto Torres

2 punti: SBS Montello, Pol. Nordest

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Una giornata cruciale per gli equilibri della Serie A e per gli accoppiamenti della Final Four di Coppa Italia, quella di disputerà sabato nel campionato di basket in carrozzina. Nell’ultimo impegno dell’anno solare, il calendario regala un doppio scontro diretto da brividi che molto dirà dei futuri equilibri della stagione.
Entrambe alle 17, le partite clou vedranno da una parte opposte le due capolista imbattute, il S. Stefano UBI Banca e l’UnipolSai Briantea 84 Cantù, e dall’altra le due pretendenti al ruolo di terzo incomodo, il Santa Lucia Roma e la DECO Group Amicacci Giulianova, appaiate a quota 8 in classifica. Come detto, dall’esito di questo doppio confronto dipenderanno anche gli accoppiamenti della Final Four di Coppa Italia della prossima primavera.
Promette spettacolo il match di Porto Potenza Picena tra due prime della classe: percorso netto fin qui per entrambe, sei vittorie su sei, il miglior attacco (quello di S. Stefano con oltre 83 punti di media) e il miglior marcatore della Serie A (Sofyane Mehiaoui, 23.8 punti a partita), contro la miglior difesa (la Briantea 84 concede appena 38 punti a partita, meno di uno al minuto). La UnipolSai Briantea 84 Cantù non è una sorpresa: superpotenza europea ormai da un lustro, anche per quest’anno conferma di essere la candidata numero uno al titolo, grazie ad una molteplicità di soluzioni offensive e ad una solidità difensiva impressionanti; il S. Stefano UBI Banca punta ad un salto di qualità che sarebbe storico: squadra costruita nel tempo, con talenti cresciuti esponenzialmente negli ultimi due anni, un gruppo giovane ed equilibrato, con l’estro del francese Sofyane Mehiaoui capace di decidere ogni partita. Chi uscirà vincitore dal PalaPrincipi diventerà automaticamente il favorito per la corsa al titolo.
A Roma confronto altrettanto interessante tra due squadre pari in classifica al terzo posto, ma provenienti da un trend quasi speculare: inizio forte per la DECO Group Amicacci Giulianova nelle prime quattro partite, ma poi doppia brutta sconfitta contro le prime due, a ridimensionare le ambizioni coltivate fin lì; difficoltà iniziali invece per il Santa Lucia Roma, ancora a zero punti dopo le prime due uscite, ma capace poi di inanellare quattro vittorie consecutive, dopo aver recuperato il proprio capitano Matteo Cavagnini e aver inserito, tra gli altri, il veterano Brad Ness. Un successo vale il terzo posto solitario, e la preziosa possibilità di accorciare sulla seconda in classifica, in vista di un girone di ritorno che si annuncia particolarmente interessante.
Alle 18 le altre due partite di giornata: coinvolte le quattro squadre che si dividono la parte bassa della classifica. Passaggio cruciale soprattutto per il GSD Porto Torres, sempre sconfitto fin qui, impegnato in casa dell’SBS Montello per un confronto che vale già un bel pezzo di salvezza. In casa invece il match della Polisportiva Nordest, che dopo un inizio di annata promettente, è andata progressivamente calando, con una evidente involuzione di gioco e intensità. Di contro la Cimberio HS Varese che, fallita la corsa alla Final Four di Coppa Italia, vuole recuperare terreno sul quarto posto in vista della seconda metà di stagione regolare.



7^ giornata

S.Stefano Sport-UBI Banca - UnipolSai Briantea84 Cantù

SSD Santa Lucia Roma - DECO Group Amicacci Giulianova

Special Bergamo Sport Montello - GSD Porto Torres

Pol. Nordest Castelvecchio - Cimberio HS Varese



Classifica: Cantù e S.Stefano 12; Giulianova e Roma 8; Varese 4; Bergamo e Gradisca 2; Porto Torres 0

2017-12-15

Oltre 100 campioni e campionesse, ti tutte le età e categorie della vela si sono ritrovati ieri sera nella sede del Comitato Regionale CONI in occasione di "Stelle del Vento nelle Marche", il gala della vela organizzato da FIV Marche in collaborazione con Studio Baldassari Comunicazione, giunto alla seconda edizione, che celebra marinai, velisti, giudici e società sportive del settore. A fare un bilancio di un anno in cui la vela marchigiana a ottenuto successi record in svariati campi di regata è stato il presidente del Comitato X Zona FIV – Marche, Vincenzo Graciotti, che ha ringraziato tutto il suo staff, gli atleti e i dirigenti dei 36 club velici presenti nella regione per il lavoro svolto e per la condivisione di una linea strategica e operativa, volta ad allargare la base del movimento velico.


Nell'anno in cui a ospitare il Trofeo CONI è stata la città di Senigallia, la serata è inizia con la premiazione dei giovani velisti che hanno gareggiato per i colori della Regione: Ruben Ferri-Alessio Vennarini (L’Equipe), Samuele Paroncini (Optimist), Alessandro Graciotti (Windsurf), premiati da Paolo Smerchinich, vicepresidente FIV Marche che, nella prestigiose manifestazione sportiva, ha curato l'organizzazione delle regate.


Oltre agli ospiti d’onore, Francesco Ettorre, presidente FIV, e Fabio Luna, presidente CONI Marche, presenti in sala tanti velisti in lizza nei campioni zonali: ben 45 atleti appartenenti a 15 classi olimpiche, propedeutiche e paraolimpiche che hanno conquistato le posizioni d’onore nelle 7 tappe del campionato regionale, svoltosi fra marzo e ottobre scorsi. “Per dare una fotografia obiettiva della comunità velica locale – ha sottolineato Graciotti - l’evento ha conferito anche quest’anno riconoscimenti importanti agli ufficiali di regata e agli allenatori”. Per questa seconda edizione, il Comitato X Zona FIV ha assegnato il titolo di Ufficiale di Regata dell'Anno a Giulio Fanini, Francesca Fanini e Nazzareno Malloni protagonisti nell'arbitraggio delle regate del Trofeo CONI. Si sono aggiudicati invece il premio "Allenatore dell'Anno" Stefano Iesari (ASD Liberi nel Vento), Romolo Emiliani (LNI S. Benedetto del Tronto) e Francesco Zimelli, coordinatore tecnico zonale.


Il 2017 è stato un anno importante per la vela marchigiana anche a livello internazionale: dal quarto titolo iridato di Giorgia Speciale (SEF Stamura) nel Windsurf, ai due titoli mondiali altura conquistati da Renzo Grottesi su Be Wild (CV Portocivitanova) ed Ermanno Galeati su Reve de Vie (CN Sambenedettese) nelle acque di Trieste, dal titolo mondiale Laser Radial Master di un altro civitanovese, Alessio Marinelli, al secondo posto nel campionato mondiale Farr40 di Alberto Rossi (SEF Stamura) sul suo Enfant Terrible fino gli analoghi risultati di Daniele Formani (CN Falconara) con Team Andelstanken nella categoria ORC corinthian e di Michele Regolo (CV Portocivitanova) nel Platu 25, passando per il bronzo al campionato continentale Laser 4.7 di Maria Giulia Cicchinè (CV Portocivitanova) e la vittoria nella categoria Farr 280 di Piero Paniccià (CV Portocivitanova) con la sua Adriatica nella Cowes Sailing Week. I velisti delle Marche hanno fatto incetta di successi anche a livello nazionale con Federica Benvenuti Gostoli (LNI Ancona), che si è aggiudicata il primo titolo nazionale O'pen Bic della storia della vela italiana, Marco Gambelli (CN Senigallia), vincitore della Coppa AIICO sull'Optimist, Sandro Paniccià (CV Portocivitanova), campiona italiano Altura al timone di Altair 3, Irene Tari (CV Portocivitanova), argento al campionato italiano Kite Surf, specialità appena riconosciuta fra le classi olimpiche..


Nella manifestazione anche 8 premi speciali, attribuiti dal Comitato X Zona a quei nostri conterranei che hanno dato in passato e nel corso dell’anno un contributo significativo non solo alla crescita del movimento velico ma dell’intera filiera della blu economy: Premio “Professione Vela – Namirial” a Cristiana Monina, anconetana di origine, già campionessa europea Laser Radial, oggi imprenditrice che organizza eventi aziendali e formativi in barca a vela; Premio "Passione Vela" a Bruno Bucciarelli, imprenditore di professione, appassionato regatante e armatore di Adrenalina a 1000; Premio "Spirit of America’s Cup", nell’anno del ritorno della Coppa ai monoscafi, al sambenedettese Maurizio Vecchiola, collezionista di pezzi di storia della vela italiana, come Italia II, Kookaburra III e il maxi yacht Il Moro di Venezia II; Premio Vele d’epoca al numanese Guido Tomasi, che regata con il suo 8 metri Stazza Internazionale Bamba del 1927 nei più importanti circuiti per barche antiche del mondo; Premio "Vela solidale-Confindustria Marche" a Daniele Malavolta, presidente dell'ASD Liberi nel Vento di Porto S. Giorgio, un’eccellenza marchigiana riconosciuta a livello internazionale; Premio marineria rosa-Conti Riccati alla velista dorica Claudia Rossi, che quest’anno ha riconfermato il titolo europeo J-70 al timone di Petite Terrible, firmando inoltre un quarto posto (primo femminile) al campionato del mondo; Premio "circolo marchigiano LIV – Farmacia del Pinocchio" all'equipaggio del Circolo Nautico Sambenedettese come miglior rappresentante regionale al campionato italiano per circoli LIV di Crotone; Premio alla carriera ad Andrea Giorgetti, medaglia d’oro al valore atletico, due campagne consecutive a bordo di Azzurra sulla scia delle quali sono poi arrivate altre significative figure nostrane in questa competizione, dai fratelli Andrea e Michele Merani a Sandro “Cicci” Spaziani e Luca Dignani.


Alla soddisfazione di Fabio Luna per la crescita del movimento velico nella regione si è unita quella di Vincenzo Graciotti che, nel salutare tutti i partecipanti, ha annunciato un progetto che lega alcuni armatori storici della vela marchigiana come Ermanno Galeati, Renzo Grottesi, Piero Paniccià e Alberto Rossi alla FIV Marche per la creazione di borse di studio da 1.500 euro, destinate al sostegno delle attività dei giovani più meritevoli affinché proseguano il loro percorso di crescita sportive dalle derive alla vela di altura.

2017-12-14

Da venerdì 15 a domenica 17 dicembre si svolgerà a Padova la prima edizione assoluta del Campionato Italiano Paralimpico di Rugby in carrozzina.
La manifestazione, in programma al Centro Sportivo Raciti/Brentella, prevede la partecipazione di cinque squadre provenienti da tutta Italia: Padova Rugby, H81 Vicenza, Mastini Cangrandi Verona, Polisportiva Milanese, Ares Centurioni Wheelchair Rugby.
Il Campionato, strutturato in sede unica, attribuirà 3 punti in caso di vittoria e 0 punti in caso di sconfitta.  Il team che avrà totalizzato il maggior punteggio alla fine delle tre giornate di scontri diretti sarà proclamato Campione d’Italia per l’anno 2017. Il giocatore che segnerà il maggior numero di reti risulterà capo-cannoniere del Campionato.
La prima partita è prevista venerdì 15 alle ore 18 tra la società locale Padova Rugby, co-organizzatrice dell’evento, e H81 Vicenza. Le premiazioni si terranno alle 14 di domenica 17.
Il Presidente FISPES Sandrino Porru, che prenderà parte all’evento con i Consiglieri Federali Nicola Carabba e Antonella Munaro, dichiara: “Esprimo l’orgoglio di tutta la Federazione per essere riusciti a mettere in piedi la prima edizione del Campionato Italiano di Rugby in carrozzina con la speranza che questo rappresenti un trampolino per la costruzione di un percorso più corposo per la disciplina. Il nostro obiettivo è di consolidare la presenza dei club esistenti nel territorio e di diffondere, anche in altre regioni, la pratica di questo sport paralimpico raccogliendo un interesse sempre maggiore da parte dei ragazzi con tetraplegia”.


 


ii

2017-12-13

Non serve una buona prestazione della nazionale azzurra di para ice sledge ad evitare la sconfitta con la Corea del Sud nella finale per il 3° e 4° posto al torneo internazionale di Charlotteville, challenge di lusso con la presenza di 4 tra le migliori nazionali al mondo. 6 a 3 il risultato finale per gli asiatici grazie soprattutto alla giornata di grazia del forte SeungHwan Jung autore di ben 4 realizzazioni. Parte forte la Korea che va a segno già al 4 minuto. Pronta reazione dell’Italia che dopo 3 minuti pareggia con CHRISTOPH DEPAOLI su assist di NILS LARCH ed EUSEBIU ANTOCHI. Si chiude il 1° tempo 1 a 1. Nella seconda frazione a segno l’Italia che dopo 2 minuti si porta in vantaggio con SANDRO KALEGARIS su assist di GREGORY LEPERDI e VALERIO CORVINO. Ma la Korea grazie ad una superiorità numerica per “interference” fischiato a Rosa trova il pareggio. Ma è ancora Italia,ancora con CHRISTOPH DEPAOLI su assist di GIANLUIGI ROSA ed EUSEBIU ANTOCHI a segnare la rete  del 3 a 2 prima del pareggio coreano. Terzo tempo con l’Italia di Massimo Darin ancora all’attacco, ma il contropiede coreano è micidiale e permette agli asiatici di segnare per ben tre volte siglando il risultato finale sul 6 a 3, nonostante la supremazia degli azzurri che alla fine avranno tirato in porta il doppio dei coreani (18 a 9 il computo dei tiri).


Nella finale per il 1° e 2° posto gli Stati Uniti hanno la meglio sui padroni di casa del Canada per 3 a 2.


Le partite dell’Italia


Girone di qualificazione


ITALIA 0– CANADA 8


ITALIA 0 – STATI UNITI 10


KOREA 3-ITALIA 2


ITALIA 1– STATI UNITI 5


ITALIA 3 – KOREA 6


 


Classifica finale


1 USA


2 CANADA


3 KOREA


4 ITALIA


 


jj

2017-12-11

A Sofia, dove oggi si è appena svolto l'European Para-Taekwondo Championships, Riccardo Zimmerman (P32) conquista la medaglia d’oro nelle forme e si ripete dopo essersi laureato Campione del Mondo a Londra nello scorso ottobre e dopo aver vinto i Campionati Italiani a novembre.


Medaglia d’argento, sempre nelle forme, anche per Giovanni Sunseri (P30) e per Federico Fricano (P20). Sempre nelle forme P20, Stefano Guglielmi arriva a un passo dal podio fermandosi ai quarti.


Nel combattimento, Antonino Bossolo (-61 kg k44) si ferma in semifinale conquistando il terzo posto che gli vale una medaglia di bronzo. Antonino aveva vinto il primo incontro per 12-0  contro il finlandese M. Sairanen, ma perde la Semifinale 9-20 contro il russo D.Sidorov.


Da segnalare l’esordio internazionale nel combattimento di Davide Spinelli nella categoria +75 K44 sconfitto al primo turno dal primo nel ranking, il croato Ivan Mikulic.


Questa la Nazionale completa


Antonino Bossolo - Combattimento, cat. -61 kg K44 
Davide Spinelli - Combattimento, cat. +75 kg  K44
Stefano Guglielmi - Poomsae P20 
Federico Fricano - Poomsae P20 
Riccardo Zimmerman - Poomsae P32 


Giovanni Sunseri - Poomsae P30 


Giovanni Lo Dolce - COACH

2017-12-11

La notizia della sesta giornata della Serie A di basket in carrozzina proviene indubbiamente dal palazzetto di Alba Adriatica, dove il S. Stefano UBI Banca va a vincere contro la DECO Group Amicacci Giulianova, dando una notevole impressione di forza dopo il primo scontro diretto di questa stagione. In testa, insieme ai marchigiani, rimane anche la UnipolSai Briantea 84 Cantù, mentre Giulianova è affiancata al terzo posto dal Santa Lucia Roma. Vince anche Varese, al primo successo casalingo dopo il derby lombardo contro la SBS Montello.
Tra sette giorni l’ultima giornata del girone di andata e dell’anno solare, con due scontri al vertice, decisivi per stabilire gli accoppiamenti della Final Four di Coppa Italia e più in generale le gerarchie di questa Serie A: a Porto Potenza Picena l’incrocio tra le prime due della classe, S. Stefano contro Briantea, mentre a Roma arriverà Giulianova per il match contro il Santa Lucia.
C’era molta curiosità per l’esito del derby dell’Adriatico tra DECO Group Amicacci Giulianova e S. Stefano UBI Banca: per capire se gli abruzzesi, dopo il brutto stop contro la Briantea, fossero in grado di rialzarsi, e per il primo vero esame dei marchigiani. Il verdetto finale è di fatto una conferma della competitività dei ragazzi di coach Ceriscioli, sempre avanti nel punteggio e compatti ed equilibrati in campo, con quattro giocatori in doppia cifra (Mehiaoui, Tanghe, Giaretti e Ghione) e soprattutto una distribuzione dei tiri e delle soluzioni offensive che evidenzia la forza del collettivo oltre che il talento individuale. Il finale dice 64 a 56 per gli ospiti, ed è un duro colpo per gli abruzzesi, al secondo stop consecutivo, che di certo ridimensiona le ambizioni di inizio stagione, nonostante l’ennesima ottima prestazione al tiro del capitano Simone De Maggi (10 su 15 per 26 punti).
Giulianova che viene agganciata dal Santa Lucia Roma, alla quarta vittoria consecutiva nella trasferta di Porto Torres 95 a 40, contro in fanalino di coda del campionato. E sabato, come detto, incrocio tra le due contendenti. Per i romani ottima prestazione dell’azzurro Marco Stupenengo (24 punti conditi da 13 assist) e del veterano Brad Ness, alla seconda uscita stagionale dalla panchina, con 19 punti finali. Nel posticipo di Seveso, la UnipolSai Briantea ha gioco facile contro la neopromossa Polisportiva Nordest: partita mai in discussione nell’arco dei 40 minuti: nell’86 a 39 finale, spiccano i 24 punti di Filippo Carossino (massimo in stagione) e l’ennesima gara di sostanza dell’argentino Berdun (23 punti in 27 minuti).
Si rialza infine la Cimberio HS Varese, che vince il derby contro l’SBS Montello 48 a 44. Top scorer è Correa con 19 punti, per un successo che significa ossigeno per i varesini e un primo discreto margine sulla zona retrocessione.

SESTA GIORNATA – I RISULTATI
Cimberio HS Varese – SBS Montello 48 a 44
DECO Group Amicacci Giulianova – S. Stefano UBI Banca 56 a 64
GSD Porto Torres – Santa Lucia Roma 40 a 95
UnipolSai Briantea 84 Cantù – Pol. Nordest 86 a 39

SESTA GIORNATA – LA CLASSIFICA
UnipolSai Briantea 84 Cantù e S. Stefano UBI Banca 12; DECO Group Amicacci Giulianova e Santa Lucia Roma 8; Cimberio HS Varese 4; SBS Montello e Polisportiva Nordest 2; GSD Porto Torres 0

2017-12-11

 


Venerdì 8 dicembre al Palasport di Seveso (MB) si svolgerà uno stage della Nazionale FIPIC Under 22. Il coach Marco Bergna e il Responsabile Tecnico Carlo Di Giusto hanno convocato 23 ragazzi. Obiettivo visionare nuovi talenti in vista dell'avvio del nuovo ciclo della rappresentativa giovanile, reduce nella scorsa estate dalla prestigiosa esperienza dei Campionati del Mondo di categoria a Toronto, in Canada.


In gran parte esordienti in maglia azzurra, ad eccezione di Andrea Molaro, Samuele Cini, Massimiliano Segreto, Mattia Scandolaro (reduci dalla mondiale canadese), Nicolò Arena (assente in Canada ma già convocato per gli Europei Under 22) e Giacomo Forcione (già presente in diversi raduni dell'Under, ma mai in campo per una manifestazione internazionale).


Ecco gli atleti convocati:


Pedron Alessandro (Briantea 84 Cantù)


Bassoli Lorenzo (Briantea 84 Cantu’)


Benedetti Amos (Briantea 84 Cantù)


Izzo Fabio (Briantea 84 Cantù)


De Prisco Nicolas (Briantea 84 Cantù)


Mimiola Michele (Albatros Trento)


Bortolotti Sebastian (Albatros Trento)


Segreto Massimiliano (HS Varese)


Gamri Amine (Padova Millennium Basket)


Leita Giovanni Pedro (Padova Millennium)


Scandolaro Mattia (Padova Millennium)


Mordenti Matteo (Dozza Bologna)


Molaro Andrea (Dozza Bologna)


Billi Alessio (Dozza Bologna)


Baratta Lorenzo (Dozza Bologna)


Abumhere Enrico (Dozza Bologna)


Sola Daniele (Giovani e Tenaci)


Brandimarte Andrea ( Giovani e Tenaci)


Castellani Francesco (Pol.Dis,Foligno)


Cini Samuele (Menarini Firenze)


D’Angelo Francesco (Cus Catania)


Arena Nicolo’ (BIC Genova)


Forcione Giacomo (Dozza Bologna)


Completano lo staff azzurro Emanuele Castorino e Claudio Possamai (meccanici) e Antonino Marchese (accompagnatore).

2017-12-07