Avviso pubblico “SPORT SENZA BARRIERE” -  Programma Straordinario per l’Impiantistica sportiva (Legge regionale del 24 dicembre 2010, n. 9, art. 2, commi 46 -50

" Sport Senza Barriere ", è il nuovo Bando, da 6 milioni di euro, che la Regione Lazio ha emanato finalizzato a dare impulso al sostegno e alla promozione della pratica sportiva ecosostenibile con la definizione di un programma straordinario di riqualificazione, adeguamento e messa in sicurezza degli impianti sportivi, sia pubblici che privati, esistenti sul proprio territorio.

 
Si tratta di un'opportunità, con scadenza 28 dicembre 2021, che darà la possibilità ai gestori di impianti di poter ottenere fino a 50.000 euro a fondo perduto fino ad un massimo dell'80% del budget complessivo. 
 
Al seguente  link sotto riportato è possibile scaricare l'avviso pubblico, la relativa modulistica e il manuale d'uso dell'applicativo. 
 
 

Si evidenzia, inolre,  che cliccando sul  link sotto riportato sè possibile scaricare un primo elenco di FAQ che la Regione Lazio ha  pubblicato  e che chiariscono alcuni dubbi e questioni circa l’interpretazione di alcune disposizioni previste dallo stesso bando.

 https://www.regione.lazio.it/documenti/75560

Si  ricorda infine che per ogni dubbio o informazione potete sempre fare riferimento all'apposito indirizzo di posta elettronica:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. , l’elenco delle FAQ verrà aggiornato continuamente mano a mano che arriveranno i quesiti.

 

 

GIORNATA FORMATIVA DI DIVULGAZIONE E INFORMAZIONE "L'ALTRA FACCIA DELLO SPORT Il Mondo Paralimpico  - Roma 18 Novembre 2021 -

In relazione al Piano Quadriennale di attività per la promozione e la diffusione della pratica sportiva delle persone con disabilità, siglato tra il CIP e INAIL, con particolare riferimento alle iniziative di collaborazione, consulenza, formazione, studio per la diffusione dello sport tra le persone con disabilità da lavoro,      oggi 18 Novembre 2021 il  CIP Lazio in collaborazione con l'INAIL lazio  ha organizzato la Giornata Informativa /Divulgativa rivolta all'Equipe Multidisciplinare dell'INAIL.

 Destinatari del progetto sono stati gli assistenti sociali, i medici, gli infermieri responsabili dei processi lavorativi ovvero tutto il personale sanitario e socio-educativo appartenenti all’Equipe multidisciplinari di primo e secondo livello.

Il corso ha  rappresentato un momento informativo e di orientamento in cui sono state  trattate tematiche relative ai vantaggi psico-motori nell’utilizzo dello sport come pratica riabilitativa, sono stati illustrati argomenti inerenti la psicologia dello sport, la  scelta della disciplina sportiva e la correlazione tra alimentazione e sport. Sono stati inoltre coinvolti testimonial paralimpici che hanno raccontato  la loro storia umana e sportiva evidenziando quanto l’esercizio fisico e l’avviamento allo sport siano stati di stimolo per il loro recupero e per far emergere le loro nuove abilità.

Ad aprire il corso dando un caloroso benvenuto a tutti i partecipanti è stato il Presidente del Cip Lazio Armando Marco Iannuzzi che ha affermato che tale corso è stato ideato per rispondere in maniera sempre più adeguata alle esigenze delle persone disabili abbattendo tutte quelle barriere, che ostacolano l'accesso allo sport per i disabili. "Sono certo che questa sinergia con lNAIL  ci consentirà di ottenere ottimi risultati, contribuendo al consolidamento di un mutamento culturale, già in atto, volto anche all'affermazione di una società inclusiva in cui “la differenza” costituisce un valore aggiunto e non un limite.” ha dichiarato il Presidente Iannuzzi.

Sono inoltre intervenuti portando il loro saluto il Direttore della Fondazione S. Lucia Edoardo Alesse, e il Direttore regionale dell'INAIL Lazio Domenico Princigalli.  In qualità di relatori hanno partecipato :

     STEFANO ROSSETTI – Giocatore di Basket in carrozzina e Allenatore della ASD Giovani e Tenaci

     ENRICO TESTA – Responsabile Tecnico Nazionale FINP attività di promozione

     PAOLA ADRIANI - Psicologa Ministero della Difesa

    ANNA LUCIA FEDULLO – Biologa Nutrizionista

    ELVIRA GOGLIA – Dirigente Ufficio POAI Direzione regionale Inail Lazio

    FRANCESCO BONACCORSO - Sovraintendente sanitario regionale Inail Lazio

    FABIO CAMILLI - Responsabile FIPAV Lazio per il Sitting Volley

    GIUSEPPE ANDREANA- Referente Tecnico Nazionale di Nuoto per il Salvamento

   GIUSEPPE SPATOLA – Atleta Paralimpico nelle varie specialità del Triathlon

Questa giornata è stata inoltre l'occasione per rilanciare la collaborazione tra il CIP e la Fondazione S. Lucia. I due enti  hanno rinnovato la convenzione con l'obiettivo di avviare allo sport i pazienti con disabilità causate da lesioni al sistema nervoso.

Lo sport è un aiuto importante per le persone che vivono una disabilità. Questo è particolarmente vero al Santa Lucia IRCCS, ospedale di neuroriabilitazione e istituto di ricerca romano che dal 1961 promuove la sport-terapia ed è attivo nella promozione dell'attività sportiva paralimpica, per permettere ai pazienti di trovare la grinta e la motivazione di tornare al centro della propria vita.

La condivisione di questa missione ha permesso al Comitato Italiano Paralimpico il rinnovo della convenzione triennale con il Santa Lucia IRCCS che facilita l'accesso a percorsi di avviamento all'attività sportiva paralimpica, agonistica o amatoriale. Tutto a vantaggio delle persone ricoverate presso l'Ospedale, che hanno subito una lesione a causa di ictus cerebrali, lesioni midollari, malattie neurovegetative ed altre patologie. Sono protagonisti della convenzione anche i piccoli pazienti del Centro di Neuroriabilitazione Infantile del Santa Lucia IRCCS che vengono seguiti in un percorso terapeutico dai primi mesi di vita fino all'età adulta e per i quali lo sport è un valido strumento per consolidare e potenziare i risultati ottenuti.

“Da quando la storia del prof. Antonio Maglio, pioniere negli anni ‘60 della sport-terapia in Italia, si è incrociata con quella del nostro ospedale abbiamo creduto nella forza dello sport come sfida per il reintegro delle persone nella vita quotidiana e sociale. È un impegno che va oltre l’atto medico.” Ha commentato il Direttore Generale del Santa Lucia IRCCS, dott. Edoardo Alesse, “Oggi lo sport al Santa Lucia IRCCS non è solo parte delle terapie a servizio della neuroriabilitazione ospedaliera, ma è da sempre parte della nostra identità. Per trasformare l’approccio al paziente in un'esperienza di relazione e motivazione, fondamentale per lo stesso recupero fisico e cognitivo”.

Grazie al rinnovo di questo protocollo di intesa, il CIP e la Fondazione S. Lucia, riconoscendo il valore dello sport quale strumento per il recupero della capacità psicofisica e per il reinserimento sociale, hanno il comune obiettivo di favorire il miglioramento dell'autonomia e dell'identità sociale delle persone disabili valorizzando le loro abilità residue.” Ha affermato il Presidente del Presidente del CIP Lazio Marco Iannuzzi “Le grandi prestazioni degli atleti italiani alle Paralimpiadi di Tokyo inducono il CIP, a predisporre per l’immediato futuro, dei programmi di grande respiro proprio nelle unità spinali e centri di riabilitazione dove avviene il primo contatto con le persone che subiscono dei gravi traumi permanenti. Per questo sarà avviata un'incisiva campagna di promozione e avviamento nell'ambito delle strutture deputate al recupero della persona disabile, attraverso la creazione di un avamposto del Comitato che funga da elemento catalizzatore e, al tempo stesso, in grado di stimolare i pazienti a praticare sport realizzando dei corsi di avviamento sportivo tenuti da tecnici specializzati.

 

 

Master di 1° livello “Sport e Inclusione - Gestione e Innovazione nella Disabilità”

In collaborazione con il Dipartimento Medicina e Chirurgia dell'Università di Parma  il Comitato Italiano Paralimpico ha organizzato il Master di 1° livello “Sport e Inclusione - Gestione e Innovazione nella Disabilità” .

Nato dalla volontà di rispondere ai fabbisogni del mercato del lavoro e/o della formazione continua, il Master si inserisce a pieno titolo nelle proposte di formazione post-laurea, in quanto estende e aggiunge alle competenze acquisite con i percorsi pregressi, un ulteriore sguardo – ormai indispensabile – nei confronti della disabilità.

Il Master avrà inizio l’ultimo weekend di gennaio 2022 e impegnerà gli Studenti per circa 1-2 weekend al mese per un totale di 240 ore. Le attività si svolgeranno prevalentemente in presenza presso l’Università di Parma. E' richiesta la frequenza per almeno il 75% del monte ore.

Di seguito è possibile scaricare  il comunicato stampa di presentazione dello stesso:

Comunicato congiunto master parma

FIBIS Federazione Italiana Biliardo Sportivo V giornata dedicata all'attività Paralimpica

Continua senza sosta il percorso di promozione del Biliardo Paralimpico. La Federazione sabato 13 Novembre presso il Club Zuchouse sito in Via di Baccanello, 275 Cesano (RM) organizza la quinta giornata volta a favorire la conoscenza di questo mondo e delle possibilità sportive che si possono offrire alle persone con disabilità.