Oney Tapia e Bebe Vio Atleti Paralimpici dell’Anno ai Gazzetta Sports Awards

Il Gazzetta Sports Awards va quest’anno a ben due atleti, nella categoria ‘Atleta Paralimpico‘: a Oney Tapia e Bebe Vio. Questi i meriti agonistici dell’italo-cubano Tapia, trapiantato a Bergamo: “Nel 2018, a maggio a Chiuro, stabilisce il primato mondiale nel lancio del disco fra i non vedenti con 44.65 m. Il 23 agosto, agli Europei di Berlino, vince due titoli: nel lancio del disco con 46,07 m, che gli vale il nuovo record mondiale, e nel getto del peso con 12,48 m”.

Questa, invece la motivazione del premio a Bebe Vio; “Quest’anno, a Terni, Bebe Vio vince gli Europei nel fioretto femminile individuale, categoria B: è il terzo oro continentale dopo le vittorie nel 2014 e nel 2016. Netta la supremazia della 21enne veneta che in finale batte 15-1 la russa Mishurova. Oro anche a squadre con Loredana Trigilia ed Andreea Mogos: Russia sconfitta 45-32. Leader incontrastata del circuito, Bebe mantiene l’imbattibilità dal 14 luglio 2016, dalla prova di Coppa del Mondo a Varsavia. Ha collezionato 18 vittorie in carriera, 12 successi dalle Paralimpiadi di Rio 2016, vincendo 3 titoli europei individuali consecutivi, 2 mondiali consecutivi e l’oro a Rio 2016”.

In corsa c’era anche un’altra atleta lombarda, la nuotatrice cremonese Maria Bresciani.

Calcio sordi: la Nazionale italiana in Finlandia. Domani il debutto europeo

La Nazionale italiana di calcio a 5 per atleti sordi è partita ieri per Tampere, in Finlandia, sede da domani (giovedì 6 dicembre) dei Campionati europei.

Tra gli azzurri ci sono ben 6 giocatori del team “Real e non solo” di Magenta (MI). Si tratta di Fabio Amas, Salvatore Bilgini, Davide Longhi, Italo Aldo Lucchese, Dino Scaglione e Salvatore Terranova. Qui la rosa completa.

Il debutto dei nostri avverrà domani, alle ore 18.30, contro la Repubblica Ceca. Clicca qui per vedere i gruppi sul sito ufficiale dell’evento.

Canottaggio: Bergamo ha incoronato i nuovi campioni regionali indoor

Domenica a tutto gas al Centro Sportivo Italcementi di Bergamo, teatro dei Campionati Regionali Indoor Rowing organizzati dal CUS Bergamo in collaborazione con il Comitato FIC Lombardia. Cinque ore di regate, con partenze ogni dieci minuti, hanno portato all’assegnazione dei ventidue titoli di Campione di Lombardia.

Forti emozioni con il Para Rowing, rappresentato da 34 atleti. La Canottieri Flora, con Michele Forsi, è Campione Regionale nel settore PR3. Tra le donne oro a Maryam Afgei (Sebino). Tra gli ID vittoria per Elisabetta Tieghi (nella foto di Claudio Cecchin) e Stefano Macchi, entrambi tesserati per la Canottieri Gavirate.

Il Presidente della Repubblica ha consegnato il Tricolore agli atleti olimpici e paralimpici

Il Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella, al Palazzo del Quirinale, ha incontrato le squadre azzurre olimpica e paralimpica impegnate nella prossima edizione dei Giochi Invernali di PyeongChang, in Corea del Sud.

Nell'occasione il Capo dello Stato ha consegnato la Bandiera ai due portabandiera azzurri: la pattinatrice olimpica Arianna Fontana e l'hockeista paralimpico Florian Planker. Alla cerimonia erano presenti Luca Pancalli, presidente del Comitato Italiano Paralimpico, Giovanni Malagò, presidente del Coni e Luca Lotti, Ministro per lo Sport.

"Benvenuti - ha detto Sergio Mattarella-, è un piacere incontrarvi. Non si arriva facilmente ai Giochi Olimpici e Paralimpici, voi tutti avete fatto un lungo percorso, impegnativo e faticoso. Dunque complimenti per essere stati selezionati. Ora andrete a perseguire delle medaglie che servono più che a superare gli avversari, a superare se stessi, a porsi sempre nuovi traguardi. Ricordate che dietro questa Bandiera c'è l'intero Paese ad accompagnarvi e sostenervi. Con voi verrà tutta l'Italia e noi tutti cercheremo di seguire le vostre gare, anche con il fuso orario sfavorevole. Un enorme in bocca al lupo!".

Luca Lotti: "Pensate ai giganti dello sport che vi hanno preceduto. E nei momenti di abbattimento, quando tutto sembrerà perso, trovate la forza nel pensiero di atleti come Zeno Colò, la prima medaglia d'oro olimpica invernale della nostra storia e arrivate al traguardo".

Florian Planker 2Luca Pancalli: "Ho pensato a quattro parole chiave per sciogliere la forte emozione che mi provocano momenti come questo: riconoscenza, gratitudine, orgoglio e passione. Grazie Presidente perché non ci ha fatto mai mancare la sua vicinanza e partecipazione, per il sostegno al nostro movimento. Questa di oggi è l'istantanea più bella di un Paese che si racconta attraverso lo sport e la piena inclusione. Il Tricolore che riceviamo dalle sue mani è simbolo dell'unità nazionale e dell'orgoglio del nostro Paese. Abbiamo scelto Florian, perché lo portasse a Pyeongchang, perché questo campione è alla sua 6^ Paralimpiade e perché è stato un vero protagonista prima sulle piste innevate con lo sci alpino, ora sul ghiaccio del para ice hockey. Florian, e ciascuno dei nostri formidabili atleti, dimostreranno di essere un esempio di coraggio e perseveranza per tutti, perché animati da grande passione per ciò che fanno.Mi auguro che questa immagine di un'unica squadra, olimpica e paralimpica, possa rappresentare un piccolo passo di crescita culturale per l'intero Paese".

Florian Planker: "Non è una cosa da tutti i giorni essere qui. L'emozione non si nasconde. Per me è un grande onore essere stato scelto come portabandiera, sono fiero di quello che ho fatto e grato a Luca Pancalli per quello che ha fatto per l'intero movimento paralimpico che è cresciuto enormemente negli ultimi anni. Spero che questa Bandiera porti fortuna alla mia squadra, perché dobbiamo fare qualcosa di più che in passato, meritiamo qualcosa di più, e che porti fortuna all'intero sport azzurro. Mi auguro che sventoli spesso a Pyeongchang 2018".

Gazzetta Sports Awards 2017: le pallavoliste sorde vincono il Premio Atleta Paralimpico 2017

Le azzurre, argento alle Deaflympics di Samsun (TUR)

Sono le azzurre della pallavolo sordi FSSI, argento olimpico alle ultime Deaflympics, le vincitrici del Premio Atleta Paralimpico dell'Anno. La cerimonia di assegnazione dei III Gazzetta Sports Awards, si è svolta ieri sera presso gli Studios di Via Mecenate, alla presenza di Luca Pancalli. Sui dieci atleti in lizza per la categoria Atleta Paralimpico dell'Anno, tre le finaliste poi votate dal pubblico a casa attraverso il web: insieme alle pallavoliste, Bebe Vio e Assunta Legnante. Questa la motivazione della nomination: "La nazionale femminile volley sorde ha conquistato alle ultime Deaflympics, le Olimpiadi dei Sordi, una meravigliosa medaglia d’argento. Le ragazze di Alessandra Campedelli hanno centrato una finale poi persa con un Giappone che può contare su una preparazione professionale delle atlete. Le azzurre, invece, arrivano dai campionati minori italiani e, alle Olimpiadi che si sono svolte a luglio in Turchia, a Samsun, hanno tirato fuori spirito di squadra, fiducia, capacità e voglia di andare oltre i propri limiti".