Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione e altre funzioni. Continuando con la navigazione, l'utente acconsente all'uso di tali cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

È scomparso Andrea Chiarotti. Ha scritto la storia del Para Ice Hockey azzurro. Pancalli: "Ciao grande Capitano"

images/medium/Chiarotti.jpg

È scomparso Andrea Chiarotti, punto di riferimento e storico capitano della nazionale italiana di Para Ice Hockey e personalità di spicco del movimento paralimpico nazionale e internazionale. Grazie al suo impegno l'Italia ha raggiunto in pochi anni livelli di vertice nel panorama hockeistico internazionale, conquistando un titolo europeo nel 2011, un secondo posto agli Europei del 2016 e importanti piazzamenti ai Giochi Paralimpici, come il quinto posto a Sochi e il quarto posto a PyeongChang, edizione in cui ha ricoperto il ruolo di Team Leader.

Andrea Chiarotti è stato il primo tecnico della nazionale italiana di Para Ice Hockey, compito che lasciò subito a Massimo Da Rin preferendo l’attività sul ghiaccio. E’ stato il portabandiera della spedizione azzurra ai Giochi Paralimpici di Sochi nel 2014. Nominato nel 2017 dal CIP ‘Ambasciatore dello sport paralimpico’  - per l'impegno nella diffusione dei valori di questo movimento - ha avviato allo sport paralimpico tantissimi giovani, molti dei quali oggi fanno parte della nazionale azzurra di Para Ice Hockey. Chi ha avuto l'onore di conoscerlo lo ricorda come un uomo leale, generoso, coraggioso ed esemplare. Il Comitato Italiano Paralimpico si stringe alla famiglia di Andrea e alle persone a lui care.

"Ci sono persone, nella vita, che lasciano una traccia indelebile nel cuore di chi ha la fortuna di incontrarle. Andrea era una di queste. Sin dal primo incontro con lui, sono stato travolto dall’entusiasmo e dal sorriso di un ragazzo che aveva saputo ricostruire un proprio percorso di vita grazie allo sport, sapendo coinvolgere chiunque gli capitasse intorno con una passione che facevi fatica ad arginarla. Il Para Ice Hockey italiano deve tantissimo a questo ragazzo, che ha seguito i ‘suoi’ ragazzi anche nell’ultima trasferta di PyeongChang, dopo un percorso personale che definire straordinario è riduttivo, quando dal nulla ha saputo creare una squadra che ha ereditato in fretta il gene della passione e della determinazione, caratteristiche tipiche di Andrea. È stato la scintilla che ha infiammato tanti cuori. Ho decine di immagini di Andrea impresse nella mente, ma voglio ricordarlo con quella carica che sembrava non potersi mai esaurire, meravigliosamente contagiosa. Ai suoi cari, agli amici della Federazione Italiana Sport Ghiaccio, alla nostra Nazionale di Para Ice Hockey va il mio più affettuoso abbraccio, nel ricordo di un uomo che avrà sempre un posto nel mio cuore". Sono queste le parole di Luca Pancalli, presidente del Comitato Italiano Paralimpico.

I funerali si terranno SABATO 9 GIUGNO 2018 presso il Palaghiaccio di TORRE PELLICE (TO) alle ore 16.00. Il Presidente del CIP Luca Pancalli ha invitato le Federazioni Sportive Nazionali, le Discipline Sportive Associate e gli Enti di Promozione Sportiva a far osservare un minuto di silenzio in occasione di tutte le manifestazioni sportive che si disputeranno in Italia nel fine settimana per onorare la memoria di Andrea Chiarotti.