Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione e altre funzioni. Continuando con la navigazione, l'utente acconsente all'uso di tali cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

L'Italia chiude con 7 medaglie la prima trasferta internazionale outdoor

images/medium/Stefano_Travisani_ed_Elisabetta_Mijno.jpg

Italia da applausi al Fazza Para-Archery Tournament di Dubai. La Nazionale paralimpica conquista ben sette medaglie, 1 oro, 4 argenti e 2 bronzi. Nessun altro Paese riesce a fare meglio, gli azzurri finiscono la propria avventura al terzo posto totale del medagliere dietro alla Gran Bretagna (3 ori e 1 argento) e il Giappone (2 ori).

LE FINALI INDIVIDUALI
Rosada e Mijno doppio podio nell'olimpico 
– Grande festa per il settore femminile dell’arco olimpico open con due azzurre che salgono sul podio. Annalisa Rosada perde la finale per l’oro contro la britannica Hazel Chaisty 6-2. I primi due set sono a favore dell’arciera della Gran Bretagna 23-21 e 22-20, Rosada prova a rientrare in corsa con il 24-22 del terzo parziale ma la sua rimonta viene chiusa subito dall’avversaria con il 23-22 delle ultime frecce. Vittoria invece nella sfida per il bronzo per Elisabetta Mijno 7-3 sulla coreana Jo Jang Moon. Primo set a favore dell’azzurra 26-21, poi arriva il pareggio 25-25 ma l’atleta delle Fiamme Azzurre alza ancora il ritmo con il 24-23 che gli regala ampio vantaggio. La coreana Jo torna in corsa con il 23-18 della quarta volée ma non può nulla perché il 26-23 degli ultimi tre tiri regala la medaglia ad Elisabetta Mijno. 

Maria Andrea Virgilio e Alberto Simonelli festeggiano lingresso alla finale per loro misto compoundDemetrico secondo, Azzolini quarto – Doppia sconfitta in finale per gli azzurri del W1. Salvatore Demetrico si arrende nella sfida per l’oro al finlandese Jean Pierre Antonios per 132-120. Lo scandinavo non lascio molto spazio alle frecce dell’azzurro e si porta a casa l’oro vincendo tutti i parziali 26-22, 27-26, 25-24, 27-22 e 27-26. Sconfitta anche per Fabio Azzolini che chiude la sua avventura a Dubai con il quarto posto dopo il ko con il brasiliano Eugenio Santana Franco 123-105. Anche in questo caso i parziali sono tutti del sudamericano ad eccezione del quinto, il referto a fine gara dice 23-16, 26-25, 28-22, 25-19 e 21-23 quest’ultimo a favore dell’azzurro. 

Argento per Virgilio – Ultimo scontro sfortunato anche per Maria Andrea Virgilio che nella sfida per l’oro compound ha la peggio contro la britannica Jodie Grinham. A fare la differenza sono le prime tre frecce in cui l’avversaria dell’azzurra vince 28-25. Il resto della gara è un’altalena in cui Virgilio vince il secondo parziale 28-27, la britannica il terzo 28-27 e gli altri finiscono in parità 27-27 e 28-28. 

Simonelli di bronzo
 – Si conclude con il bronzo individuale il percorso di Alberto Simonelli che durante la gara di qualifica ha fatto segnare il nuovo record mondiale. Il campione azzurro oggi vince la finale per il terzo posto 141-139 con il finlandese Jere Forsberg. La gara è molto equilibrata, i primi due parziali si concludono 27-27 e 29-29, poi Simonelli spinge sull’acceleratore e vince le successive due volée 29-28 e 29-27. L’ultimo parziale è a favore dello scandinavo 28-27 ma non serve a ribaltare la situazione.

LE FINALI MIXED TEAM
Mijno-Travisani oro nel ricurvo -  Si conferma coppia d’oro quella del mixed team arco olimpico open. Elisabetta Mijno e Stefano Travisani vincono la lunga battaglia contro la Gran Bretagna (Chaisty-Phillips) allo shoot off 5-4 (18-16). L’altalena di emozioni parte con il 32-31 dei britannici, rintuzzato immediatamente dal 34-32 azzurro. La storia si ripete nelle successive due tornate di frecce chiuse 31-30 per la Gran Bretagna e 33-32 per l’Italia. La coppia Mijno-Travisani opera l’ultimo e decisivo sorpasso alle frecce di spareggio con due “9” che valgono il titolo.

Virgilio-Simonelli argento nel compound - Maria Andrea Virgilio e Alberto Simonelli si fermano invece ad un passo dalla vittoria finale. I due compoundisti perdono la finale mixed team contro la Gran Bretagna Pine-MacQueen) con il risultato di 146-132. Gli azzurri si ritrovano subito sotto di tre punti (35-32), poi pareggiano la seconda volée (35-35) ma è nelle ultime otto frecce che i britannici fanno il vuoto con i parziali di 39-31 e 37-34.