Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione e altre funzioni. Continuando con la navigazione, l'utente acconsente all'uso di tali cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Lutto nella scherma italiana, scompare Carlo Macchi. Era membro del Consiglio nazionale del CIP. Il cordoglio del Presidente Pancalli.

images/medium/Carlo_Macchi.jpg

Un grave lutto ha colpito la famiglia della scherma italiana. È venuto a mancare dopo una lunga malattia, all'età di 71 anni, Carlo Macchi. Allievo del maestro Antonio di Ciolo, Carlo Macchi è stato a lungo docente presso l'Istituto Superiore di Educazione Fisica di Firenze. Per lunghi anni ha collaborato con la Federazione ricoprendo molti ruoli fra i quali anche quello di responsabile della Nazionale under 20. Era membro del Consiglio nazionale del Comitato Italiano Paralimpico.

"Con Carlo Macchi se ne va un uomo che ha fatto della passione per la scherma il carburante per la sua attività quotidiana - è il commosso commento del Presidente della Federazione Italiana Scherma, Giorgio Scarso - Negli anni ha ricoperto tanti e diversi ruoli ed incarichi per la Federazione Italiana Scherma, interprentandoli sempre con impegno sincero e con la voglia di dare un contributo importante alla promozione e sviluppo della scherma italiana. A lui va il nostro commosso saluto ed alla famiglia il più sincero cordoglio".

Anche il Presidente del CIP Luca Pancalli, a nome di tutto il movimento italiano paralimpico, ha espresso il cordoglio "per la scomparsa di un uomo dedito alla formazione dei giovani nel segno dei più autentici valori dello sport e amico del movimento paralimpico".

Le esequie si svolgeranno domani, martedì 23 aprile 2019, alle 15 nella chiesa di San Casciano.