Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione e altre funzioni. Continuando con la navigazione, l'utente acconsente all'uso di tali cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Mondiali di Para ice hockey: in esordio l'Italia batte la Svezia 4-0. Da Rin, "Restiamo concentrati, è solo l'inizio"

images/medium/andreoniAless.jpg

Aperte nel migliore dei modi, con una sonora vittoria, le danze azzurre ai Mondiali di Para ice hockey di Repubblica Ceca. La prima sfida della rassegna iridata era in programma stamattina, alle 9, e vedeva l'Italia di Coach Massimo Da Rin opposta alla Svezia. Gli azzurri partono subito fortissimo, con ben dodici tiri in porta contro due degli avversari. A violare la rete svedese è però Nils Larch che da solo beffa la porta avversaria al 14.46 del primo tempo. Alla ripresa, Alessandro Andreoni si esibisce con una spettacolare doppietta, prima su assist di Christoph Depaoli (20.33), poi di Gian Luca Cavaliere (24.12) firmando il parziale di 3-0. Nell'ultima frazione, è Sandro Kalegaris, supportato da Depaoli, ad approfittare della soggezione psicologica che ormai soffre la Svezia, e a infliggere il 4° goal, al 35.54. 

"È stato abbastanza difficile il primo tempo, poi nel secondo abbiamo fatto meglio. Sono molto contento ed eccitato per questi miei primi goal, spero di ripetermi", ha commentato a caldo Andreoni. 

"Un inizio molto positivo - il commento sulla prestazione della squadra di Massimo Da Rin-, sebbene all'inizio eravamo un poò nervosi e contratti, considerato il livello di gare mondiali, poi dopo il primo goal tutto si è stemperato. Ho fatto dei cambiamenti in corso, spostamenti di linea con Planker in difesa, dove fa la differenza, ed è andata bene, considerando i giovani e nuovi inserimenti in squadra".

Domani sfida al Giappone con inizio alle 9.30. Anche se gli ultimi precedenti sono stati a nostro favore, Da Rin non sottovaluta mai alcun avversario: "Sanno che siamo una squadra ricomposta, che ci sono nuovi giocatori e cercheranno di metterci in difficoltà. Hanno un gioco diverso dalla Svezia, ma l'importante per noi è restare concentrati e disciplinati. Dobbiamo dare sempre il 100%".