Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione e altre funzioni. Continuando con la navigazione, l'utente acconsente all'uso di tali cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Paracanoa. Al Test Event di Tokyo, azzurri senza freni e Farias medaglia d'oro

images/medium/70928067_10156541345062717_7923989987085778944_n.jpg

Arriva la medaglia azzurra più preziosa, dal Test Event di Tokyo, per la paracanoa. In acqua nel bacino olimpico e paralimpico della Sea Forest Waterway per “Ready Steady Tokyo”, l’Italia, schiera tre atleti agguerriti: Esteban Farias, che oggi si prende d'autorità la medaglia d'oro nel KL1 200m, Federico Mancarella e Veronica Biglia. Il bolognese Mancarella, anche lui vice campione del mondo nella specialità, chiude al quarto posto in 46.22 nella gara vinta dal brasiliano Fernando Rufino de Paulo. Nella specialità del Va’a l’Italia era rappresentata da Silvia Veronica Biglia che nella finale del VL2 200 metri ho ottenuto il sesto posto in 1.19.951. Medaglia d’oro per britannica Jeanete Chippington (1.09.555). 

“Esteban Farias è andato davvero molto forte, convinto e sereno”, spiega il direttore tecnico Stefano Porcu. "Federico Mancarella ha avuto una gara combattutissima con tanti atleti di primissimo livello. Anche lui ha fatto un ottima gara ma il forte vento che si è alzato nel finale di gara ha condizionato il risultato. Anche Veronica Biglia ha fatto una buona prova, pagando purtroppo il vento contrari. Sono davvero soddisfatto di queste tre gare, competizioni di altissimo livello e ci sono tante nazionali che stanno crescendo, per questo al rientro dovremmo mettere a punto un programma per le Paralimpiadi. Siamo stanchi ma felici e con grande entusiasmo”. 

“Sono davvero contento delle buone prestazioni registrate dagli atleti ieri”, ha commentato Stefano Porcu. “Siamo stati un po’ sfortunati perché non ci hanno assegnato le barche che avevamo richiesto e quindi i ragazzi si sono trovati a gareggiare su canoe che non hanno tutti gli adattamenti a loro necessari per raggiungere la migliore performance. Il campo non è dei migliori, c’è molto vento che arriva da mare ed il clima è caldo ed umido. Sicuramente questa esperienza ci servirà per pianificare al meglio la preparazione del prossimo anno e adattarci a queste condizioni meteorologiche.”

 

6225806e 88a6 4b56 8e96 6c2c578e3fc4