Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione e altre funzioni. Continuando con la navigazione, l'utente acconsente all'uso di tali cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

FSSI. Oro e bronzo agli Europei di Antalya per i karateka azzurri sordi

images/medium/timthumb.jpg
Sono andati alla grande i campionati Europei di karate ad Antalya, con la medaglia d’oro conquistata nella prima giornata di gare da Greta Ampollini che, a soli 16 anni, è stata capace di salire sul gradino più alto del podio nel kata individuale. “Greta è la new entry della Nazionale – sottolinea il suo allenatore, Luca Nicosanti – e nonostante la sua giovane età si è destreggiata benissimo sul tatami”. L’atleta della Gss Reggio Emilia ha passato due turni ottenendo sempre il risultato più alto, battendo poi in finale un’atleta russa: “Non c’è stata storia, Greta è stata nettamente più brava della sua avversaria” conclude con fierezza Nicosanti. Non è andata bene ai ragazzi, invece, con Lorenzo Ventrone che esce subito al primo turno, mentre Daniele Di Guido si ferma al secondo incontro, sempre nel kata individuale. La serata è terminata con un 5º posto per Irene Sbrissa nel kumite, che perde per squalifica contro la turca nella finale per il 3° posto. “Ha incontrato al primo turno la fortissima atleta ucraina, campionessa Paralimpica in carica, e purtoppo ha perso di netto” racconta Nicosanti.
 
Nella seconda giornata è arrivata un’altra medaglia con Giovanni Improta (atleta della Gs Ens Caserta) che ha conquistato il bronzo nella categoria Kumite -75. Non è andata bene, invece, a Di Guido che nei -67kg perde al primo incontro con il russo. La gara è poi terminata con il 5º posto di Di Guido nella categoria Open di Kumite. “Con soli 5 atleti siamo riusciti a portare a casa una medaglia d’oro di Greta Ampollini nel Kata, un bronzo di Giovanni Improta nel Kumite -75kg e due quinti posti, quello di Irene Sbrissa nel Kumite -68kg e di Daniele Di Guido nel Kumite Open. Ci possiamo ritenere più che soddisfatti” dice Nicosanti. La nazionale di Karate allenata dal commissario tecnico, Maestro Luca Nicosanti e guidata dal D.T. Gerardo Di Gruccio non si smentisce, riesce sempre a portare a casa medaglie importanti e si torna in Italia ancora una volta a testa alta.