Pancalli: "Questi ragazzi di assoluto talento, il regalo più bello per il futuro dello sport paralimpico"

Ultime note dell'inno italiano, sui podi degli EPYG di Genova 2017, oggi giorno di chiusura delle gare. Ai 49 allori di ieri si sono aggiunte oggi 27 medaglie. In dettaglio: gli ultimi due ori e un argento nell'atletica leggera, grazie a Raffaele Di Maggio sui 400m T20 e a Riccardo Bagaini sui 400m T12-47, sul gradino più alto del podio e a Mario Bertolaso, argento sui 400 T20. Anche il judo ha riservato le ultime sorprese: l'oro della squadra maschile B1, l'argento della squadra maschile mista (B1-2-3) e i due argenti di Asia Giordano nella squadra femminile sia B1 che B1-2-3. Anche la boccia festeggia le prove di Elia Vettore, oro in BC2 davanti a due croati, e di Mirco Garavaglia, medaglia di bronzo in BC3.

Ultimi fuochi d'artificio in piscina, dove piovono ancora medaglie: con Fantin, doppio oro, Cordini, Urso, Marchi tutti sul primo gradino delle rispettive gare, con gli argenti di Bicelli, Urso, Belotti, Perfetto, Del Mastro e Luscrì, e i bronzi di Belotti e Vicch. Ben 14 medaglie sonanti che aggiunte a quelle dei precedenti due giorni di gara fanno 37 solo per il nuoto.

Il tennistavolo, poi, che schierava le squadre maschili, arriva a quattro medaglie: argento per la coppia Parenzan e compagno slovacco in classe 6-7 e per Magarelli/Cordua in classe 8-10, bronzo per Elena Elli in classe 6/10 con la rumena Costantin e bronzo per Orsi in coppia con il croato Bosa in classe 1-5.

La vela complice un vento debolissimo, non riesce ad arrivare oltre il 5° posto con l'equipaggio formato da Davide Di Maria e Morgan Segatore e il 9° con Francesco Maria Maglione e Alessandro Migliaccio. Prima la Francia, seguita da Inghilterra e Olanda. 

Entusiasta Luca Pancalli, che ha seguito a bordo campo le gare: "Questi ragazzi di assoluto talento sono il regalo più bello per il futuro dello sport paralimpico. Vivissime congratulazioni a tutti loro, allo staff tecnico che ha selezionato ragazzi di grande valore e grandi prospettive".