Sci nordico

Il team

GIORGIO VITERBO - Team Leader
DUILIO FRIZ - Allenatore
FABIO TOSELLO - Skiman

Caratteristiche generali

Le gare di sci nordico sono aperte ad atleti con disabilità fisica (sit-ski - dove gli atleti gareggiano mediante una sedia equipaggiata con due sci - e standing) e ad atleti non vedenti (che gareggiano con guida). Le competizioni ai Giochi Paralimpici Invernali interessano due discipline: lo sci di fondo ed il biathlon.

La disciplina

In questa specialità competono sia uomini che donne nelle tre distanze della specialità: distanza lunga, media e
corta (da un minimo di 2.5 Km ad un massimo di 20 Km) o nella staffetta, a tecnica classica o libera. Anche il Biathlon è aperto a persone con disabilità fisiche e visive: la gara, che prevede anche una fase di tiro a segno, consiste nel percorrere 7.5 Km di pista divisi in tre sessioni da 2.5 Km.

Chi può farlo?

Lo Sci di Fondo è aperto a persone con disabilità fisiche e visive.

Ai giochi paralimpici

Lo sci di fondo ha fatto la sua prima apparizione ai Giochi Invernali del 1976 in Svezia, ove atleti donne e uomini percorsero tutte le distanze usando la tecnica classica. Per il debutto ufficiale della tecnica libera, invece, si è dovuto attendere i Giochi di Albertville, nel 1992. Quanto al biathlon, furono i Giochi di Lillehammer del 1994 a segnare la pietra miliare: fu introdotto per la prima volta il biathlon come evento da medaglia. L’Italia sale sul podio per la prima volta nell’edizione 1988.

Come si gioca?

Tra le due tappe gli sciatori devono colpire, con una carabina ad aria compressa, più bersagli posti a 10 m di distanza. La posizione di tiro deve essere sempre prona. Ogni
colpo fallito comporta la penalizzazione di un aumento del tempo di percorrenza del tragitto. Gli atleti con disabilità visiva sono coadiuvati da segnali acustici che, a seconda dell’intensità sonora, indicano quando l’atleta è sul bersaglio.

Limitazioni funzionali

• Potenza muscolare alterata
• Possibilità di movimento passivo
alterata
• Mancanza di un arto
• Differente lunghezza delle gambe
• Atetosi
• Ipertonia
• Atassia
• Disabilità visiva

Classi sportive

STANDING

LW2: Atleti con una disabilità alla gamba, per esempio l’amputazione sopra il ginocchio. Gli sciatori useranno la protesi e due sci altrimenti un’ortosi, se hanno scarsa
forza muscolare.

LW3: Atleti con disabilità a entrambi gli arti, che può derivare da debolezza muscolare. Questi useranno due sci e due bilancieri.

LW4: Hanno disabilità agli arti inferiori ma lieve impatto sulla sciata rispetto alle categorie superiori. Per esempio sono amputati sopra la caviglia o hanno scarso
controllo muscolare a una gamba. Gli sciatori useranno una protesi e due sci o un’ortosi se hanno problemi muscolari.

LW5/7: Hanno disabilità a entrambi gli arti superiori che non consentono l’uso di bilancieri (amputazioni o mancanza delle mani, atleti che non riescono ad avere
una presa ferma).

LW6: Atleti che hanno una disabilità significativa a un braccio, ad esempio amputazione o difficoltà ad un arto sopra il gomito. Il braccio disabile è fissato al corpo
e non è utilizzabile in gara. Lo sciatore usa un bilanciere all’altro braccio.

LW8: Atleti con moderata disabilità a un braccio, ad esempio non possono flettere il gomito o le dita di una mano, oppure con amputazione sotto il gomito. Usano
un solo bilanciere.

LW9: Qui si trovano anche atleti con lievi problemi coordinatori delle estremità o con amputazioni ad almeno un braccio e una gamba. A seconda della severità della
disabilità, usano uno e due bilancieri.

SITTING

LW10: Atleti con disabilità alle gambe e al tronco, per esempio con paraplegia alta. Sciatori non in grado di sedersi senza utilizzare le braccia.

LW10.5: Atleti con disabilità nel controllo del tronco. Hanno generalmente equilibrio di seduta, eccetto nei movimenti laterali.

LW11: Atleti con disabilità alle gambe e minore disabilità al tronco rispetto ai 10.5.

LW11.5: Atleti con minore disabilità alle gambe e quasi completo controllo del tronco.

LW12: Atleti con disabilità alle gambe che possono gareggiare sia in piedi che seduti e che sceglieranno come gareggiare, a inizio carriera.

VISUALLY IMPAIRED

Questi atleti hanno vario grado di disabilità visiva da B1 a B3. I primi debbono utilizzare una guida, i B2 e B3 devono scegliere se sciare con una guida o meno.
La guida precede immediatamente l’atleta e lo informa delle specifiche del tracciato di gara, inclinazioni della pista, curve ecc. nel biathlon gli atleti con diabilità visiva
seguono dei segnali sonori per colpire il bersaglio.

Atleti qualificati

Calendario Pyeongchang 2018

Marzo
Gio 08 Ven 09 Sab 10 Dom 11 Lun 12 Mar 13 Mer 14 Gio 15 Ven 16 Sab 17 Dom 18
Dettaglio gare
Dettaglio finali che assegnano medaglie

medagliere
dei giochi olimpici

  • oro 0

  • argento 0

  • bronzo 0