Ciclismo/Handbike

Ciclismo/Handbike

Il paraciclismo deriva dal ciclismo e permette alle persone disabili di cimentarsi in questo sport. La disciplina segue le stesse regole stabilite dall'Unione Ciclistica Internazionale, l'organo mondiale di governo del ciclismo sportivo, mentre in Italia viene gestito dalla Federazione Ciclistica Italiana. Nel 1996 questo sport aprì le porte ai disabili fisici e sensoriali, classificando gli atleti per livello e tipologia di disabilità. I non vedenti corrono su tandem, mentre atleti con disabilità fisica su biciclette modificate.

Le handbike sono invece riservate a disabili in sedia a rotelle. Gli handbikers sono classificati da H1 a H5: gli atleti H1 hanno disabilità molto severe, mentre gli atleti H5 hanno il più basso livello di perdita funzionale. I tricicli sono classificati come T1 o T2, dove i T1 hanno maggiore disabilità dei T2. Gli atleti non vedenti o ipovedenti competono su Tandem con un pilota vedente. Chi utilizza le normali biciclette è suddiviso tra C1 e C5, in cui i ciclisti C1 hanno il maggior livello di disabilità.

Il programma delle gare prevede prove di sprint, inseguimento individuale, cronometro di 1.000 metri, gare su strada e cronometro su strada sia individuali che a squadre. Lo scopo del sistema di classificazione del paraciclismo è di ridurre al minimo l'impatto della disabilità di un atleta sul risultato della gara per garantire che il successo di un corridore sia basato su una combinazione di tecnica, idoneità fisica e talento atletico personale. L'attività del paraciclismo ha visto come primi protagonisti i non vedenti che, già nel 1988, gareggiavano alle Paralimpiadi di Seul utilizzando il tandem. Questa disciplina è molto indicata per gli atleti disabili in quanto sport completo. L'handbike, ad esempio, permette anche alle persone con disabilità motoria di muoversi nell'ambiente sfruttando la forza delle proprie braccia: ogni muscolo è attivo ai fini della propulsione, ai fini della spinta. Ma soprattutto perché ciclismo paralimpico è sinonimo di rinascita, determinazione, della volontà che non ha barriere.

Pierpaolo Addesi

Addesi Pierpaolo

Katia Aere

Aere Katia

Fabio Anobile

Anobile Fabio

Paolo Cecchetto

Cecchetto Paolo

Diego Colombari

Colombari Diego

Fabrizio Cornegliani

Cornegliani Fabrizio

Giorgio Farroni

Farroni Giorgio

Luca Mazzone

Mazzone Luca

Francesca Porcellato

Porcellato Francesca

Andrea Tarlao

Tarlao Andrea

Ana Vitelaru

Vitelaru Ana

X
Torna su